Follow by Email

martedì 18 agosto 2009

INCONTRI :-)



..poi tutto ha una fine, la vacanza, la condivisione, le nuove conoscenze, tutto si perde e si affievolisce col ricordo.
Ho incontrato Carlo Fruttero, uno scrittore quasi timido, un pò vecchio e tanto saggio, gli ho stretto le mani, ci siamo parlati un pò, lui sussurrandomi "sono vecchio", io dicendogli "è una persona meravigliosa", ho letto molti suoi libri, quelli con la sua collaudata ditta Fruttero & Lucentini, ora è rimasto solo con la sua grande cultura, la sua conoscenza del mondo e la sua bellissima bici con cestino pieno di quotidiani.:-)mamma mia, che emozione, son fatta così, mi commuovo, ma lui scrive così bene:-)

Ho trovato Abramo fermo alla fontanella, che fumava una sigaretta, proprio come me, un egiziano di Alassio, persona di poche parole, ma poi abbiamo chiacchierato a lungo della sua vita, la sua città, la sua gente..era un pò amaro lui, un pò nervoso, raccontandomi della gente ricca ed indifferente (la maggior parte), di quando serve ai tavoli di questo famoso ristorante sul mare, neanche un saluto, eppure è lì da una vita, mi ha confidato che gli rivolgono la parola solo nelle grandi occasioni di festa, quando c'è più lavoro, ciao Abramo, sei una persona indimenticabile, con i tuoi occhi neri e profondi, i tuoi capelli un pò folti, la tua statura imponente, la tua cultura, che molti si sognano, ecco perchè sono così, ti invidiano, perchè i loro figli viziati fanno fatica a studiare.

Il mio incontro sulla scogliera: cucciolo di gabbiano:-)

Cucciolo di gabbiano, eri sulla scogliera,
un pò fermo, un pò in volo,
tenere le tue zampe, un pò come le oche,
gli occhietti vispi, lieti in cerca di cibo.
Avevo dei biscotti e te li ho sbriciolati,
con passo un pò esitante
un pò ti sei fermato
in alto, sullo scoglio
ancora pronto al viaggio.
Sono stata a lungo a seguire il tuo volo,
in alto il cielo e il mare
uno sfondo da fiaba,
addio mio dolce amico,
non so se tornerò,
ma già adesso ti sogno,
come un pensiero mio,
le ali che vorrei,
il placido racconto
che oggi mi hai donato
e che conserverò.
Era poca la gente
e tu ti sei fermato
in questo specchio d'acqua
che rifletteva il mondo.
Con la mia fantasia
ho pensato a un incontro
un pò preannunciato,
io che amo gli uccelli,
e li seguo nel canto.
Mi piace un pò sognare
e ricamare il fato
però io ti ho "vegliato"
ed un pensiero lieto
mi è sorto dal profondo..
un caso, sì....
un incontro
che un pò mi ha rallegrato.

sabato 1 agosto 2009

STORIA DI MARIA E BRESAOLA A MODO MIO:-))

Ogni mattina incontro Maria, lei praticamente vive in strada, sotto il portone, è qui da un'intera vita, ha circa 80 anni, eppure è graziosa, sembra una bambina quando mi fermo un attimo a parlare con lei e racconta..racconta.
So tutto di lei, dei suoi 5 figli, del marito che è andato via quando lei aveva solo 40 anni,di quando faceva la custode di un palazzo antico nel cuore della città. Ora è rimasta sola, però ci sono i passanti, quelli che la conoscono da tanto tempo e si fermano a parlare con lei. Mi ha sorriso stamattina, dopo tanti giorni le è ritornato il buonumore e ne sono stata felice. L'ho baciata, lei prima era un pò restia, ma adesso quando mi vede da lontano mi chiama e mi dice: " vieni, vieni, che ti devo raccontare una cosa"- e mi accarezza.. I suoi trascorsi sono interessanti, come il suo viso ancora molto bello, i tratti mediterranei, gli occhi scuri ed intelligenti. Le ho fatto ciao e sono corsa a casa, perchè stamattina c'è un pò di cappa, prima le ho raccomandato di stare all'ombra con la sua sediolina, proprio lì..sulla strada, quasi come in un paese.

BRESAOLA A MODO MIO

Cari amici bisogna mangiare delle cose fresche ed appetitose (io sono un'eccezione perchè ho sempre fame):-), allora oltre al pesce marinato ho pensato di fare degli involtini di bresaola.

2 etti di bresaola
1 pezzo di pecorino sardo
1 etto di olive verdi schiacciate e piccanti
2 pomodori per insalata...
su ogni fetta di bresaola riporre dei pezzettini di formaggio
delle olive disossate e delle fettine di pomodoro
chi ama la maionese può aggiungerla, io condisco con un goccio
di olio e limone, niente sale.
Arrotolare e fermare con 2 stuzzicadenti.

Un caro saluto a tutte/i e buon sabato, mi è venuta voglia di scrivere adesso che sono ritornata perchè la mia amica Maria è come un libro che ha bisogno di essere letto, è come la vita che ha bisogno di ruscelli, fiumi, cascate per confluire nel mare.Kiss