Follow by Email

mercoledì 28 novembre 2012

Storia di E.

Era stato un ragazzo come tanti, pieno di sogni, di aspettative, aveva studiato tanto, conosceva tre lingue e l'azienda presso cui lavorava lo mandava spesso in giro per il mondo perchè era un tecnico specializzato per il funzionamento di macchinari nelle fabbriche..Ma un giorno decise di ritornare dalla Cina, dove era stato 5 anni, si sedette su una panchina al parco ed iniziò a bere. Una persona gentile, attento, parlava con pochi, ma tutti gli volevano bene perchè non dava "fastidio", non chiedeva soldi, ma giorno per giorno la sua vita si spegneva. Un mattino, più freddo del solito qualcuno chiamò l'ambulanza, rischiava il congelamento, fu così che venne ricoverato in ospedale e ci stette tre mesi, per una grave infezione ad una gamba.E qui avvenne il miracolo. Molte persone nel quartiere si attivarono per trovargli una casa, gliela arredarono, gli riempirono il frigorifero e quando tornò ebbe un tetto e degli amici. Sembra una storia di Natale, dove tutti si sentono più buoni, l'amico silenzioso cambiò vita, certo continuava a bere, forse un pò meno, ma quando lo si incontrava in giro, con la sua borsa della spesa ci si accorgeva che era un altro. Due matrimoni falliti, una figlia in Cina, una qui a Torino, psicologa, che non volle mai rivederlo..e lui la cercava. C'era ancora tanta tristezza nei suoi occhi, ma le poche volte che parlava con qualcuno diceva di sentirsi molto solo, ma era vivo, qualcuno sosteneva che si fosse salvato. Ancora oggi, dopo tanti anni io mi chiedo: salvato da chi?

26 commenti:

Debora ha detto...

Io invece credo che abbia scelto di sopravvivere nella speranza che le sue figlie si ricordassero di lui, e cercassero di dargli un po' del loro amore, forse una piccola parte di quella che un padre prova per i propri figli. Si sentono spesso storie di questo tipo: fare i genitori non è facile, non ci sono corsi che te lo insegnano, e se sbagli e non ti correggi rovini te stesso e i tuoi figli. Non ci sono genitori perfetti e non ci sono figli perfetti. Ci deve essere però la volontà da parte di entrambi, di fare il meglio che si può e sostenersi vicendevolmente. Lui avrà fatto certamente degli sbagli, ma le figlie ad abbandonarlo non sono state meglio di lui.

Gabry ha detto...

La vita pareva che gli avesse dato tutto, ma poi si è fatto sopraffare dalla solitudine che gliela rovinata per sempre, e quando si è in quel vortice è difficile uscirne, forse lui cercava solo l'afffetto dei suoi cari, affetto che gli è venuto a mancare e che l'ha fatto precipitare nel baratro, dove ora sopravvive solo per la speranza di rivedere i suoi figli... mi auguro che un giorno i figli si ravvedano e riabbraccino quest'uomo vivo ma privo di vita.

Un abbraccio Rirì!

ps- qui per il momento niente pioggia ma un vento fortissimo, di scirocco, che ti scaraventa in aria....mi sa che oggi niente parco, è pericoloso andare in giro quando in aria vola di tutto ...

nucci massimo ha detto...

Ha smessodi fare un lavoro che lologorava
per farsi logorare dal far niente
Concordo con Debora e Garby.
Ciao riri.

Pupottina ha detto...

salvato da se stesso e dalla solitudine. sono tante le storie di solitudine che vanno a finire male. se tutti cercassimo di aiutarci a vicenda più spesso non esisterebbero più storie tristi.
quando i figli si allontanano dai genitori è sempre molto triste e non si sa nemmeno perché si creino questi rancori...
non dovrebbero esistere

Tiziano ha detto...

Ciao Riri la solitudine e una
brutta malatia ed è stato salvato all'impegno e l'amore della buona gente.
qui fiumi in piena vento e tanta pioggia però per il momento tutto sotto controllo
buon pomeriggio.

Kylie ha detto...

È comunque stato giusto dargli una nuova opportunità di cambiare vita. Purtroppo la felicità non viene in automatico.

Baci

Ambra ha detto...

Forse salvato da se stesso?
Non tutti riescono a vivere dentro al mondo e alla societò, una società che opprime i più deboli.

Caterina ha detto...

Storia molto triste. La solitudine e il disamore ammala. Vorrei tanto che i figli "ritrovino" il loro padre! Grazie per il bel racconto preso dalla vita.

p.s.é arrivato qui il vento della pioggia dolcemente mandata da Torino :)

Luigina ha detto...

Ho letto questa storia con un po' di magone perché simile a quella di un caro amico e ho il terrore si ripeta per qualcuno a me ancora più caro. Mi chiedo anch'io salvato da chi? Forse da chi non lo ha mai amato ;(

Gabry ha detto...

Buongiornooooooooooooooooooo!!!

festa nazionale !!!!!! Rudy questa mattina ha mangiato l'omogeneizzato da sola... e quando ho distribuito i biscotti è scesa del divano ed ha reclamato il suo.... mamma mia ....
per quanto riguarda l'armonia del gruppo per Sky e Kim non ci sono problemi è sempre Rudy che sfodera il suo bel sorriso a 32 denti con un ringhio di sottofondo .... ahahahah !!!! questa rossa è terribile lo faceva anche con Ice, meno male che le siciliane, dietro mio consiglio, non accettano la provocazione .... ahahah!!! comunque ho il mio bel da fare per non far scoppiare la rissa .... ahahaha!!!

Un abbraccio e buon fine settimana!

Caterina ha detto...

Ciao Riri, Adamino oggi ha festeggiato il suo primo mese! Io non potrei dirti quanti mesi ho :))
Baci

il monticiano ha detto...

Il mio parere è che si sia salvato da solo nel senso che si è reso conto della fine, non solo fisica, che stava facendo.
Un caro saluto,
aldo.

zicin ha detto...

Una storia molto triste...
Per ognuno c'è sempre una nuova chance... se si vuole... basta volerlo.
Buon fine settimana
Baci

nina ha detto...

Quante storie dietro gli sguardi assenti delle persone che incrociamo, quanti abissi di solitudine, disperazione che a volte non vengono mai nemmeno conosciuti...
Ogni tanto ne entriamo in contatto e che grande consolazione per tutti noi la testimonianza della umana solidarietà!

Costantino ha detto...

Queste poche righe valgono più di un manuale sulla condizione umana.

Caterina ha detto...

Ciá Riri, qui nevicaaaaaaaaaaaaa! Domani abbiamo pensato di fare una bella passeggiata con il piccolino intorno ad un lago vicino ma il tempo ....
Baci e buona notte

Gabry ha detto...

Buongiornoooooooooooooo!!!

fa freddo ... fa freddo ... brrrrrrrrrr !!! per la gioia del piccolo branco .... loro sono fuori al giardino ed io le guardo da dietro i vetri .... ahahahah !!!

Rudy va decisamente meglio, ma per il mangiare, da sola, ancora non ci siamo ...

Un abbraccio e buon dicembre!

Caterina ha detto...

Ciao Riri, anche oggi abbiamo fatto una passeggiatina con Ádi nonostante la neve. In centro della cittá é cominciata la fiera di Natale e si sono presentati anche i presepi :).
Baci

Gabry ha detto...

Buongiorno e buona spesa... prima o poi devo farla anche io ....
I pelosi tutto ok, mi fanno solo disperare per il mangiare, anche le siciliane mangiano poco e svogliatamente ... speriamo che con il tempo si abituino a mangiare regolarmente e in quantià sufficiente.

Un abbraccio!

Caterina ha detto...

ciao Riri, le passeggiate all'aperto fanno bene anche alle nonnine :)). Sarei anch'io curiosa come sono i tuoi alberi di natale specialissimi?
Baci

Gabry ha detto...

Buongiorno .... speriamo che oggi esca un raggio di sole, è una settimana che non fa altro che piovere... che pallades ....

Come sono andate le spese?

Un abbraccio!

Pupottina ha detto...

ciao Riri
buon pomeriggio ;-)

Caterina ha detto...

Ciao Riri, i tuoi alberi sicuramente sono favolosi per la gioia dei piccoli e grandi!
Domani Verrá San Nicola qui in Ungheria per portare ai bambini buoni dolci e per i mascalzoni verga:). Per Adamino porta latte lo stesso:).
Baci

rosy ha detto...

Salvato da chi e da cosa?? Il dolore nessuno lo toglie.
Comunque è stato bello quello che la gente ha fatto per lui, gli ha ridato la vita ma non il sorriso.
Ti abbraccio.

Gabry ha detto...

Buongiorno... qui piove piove piove ... uffa ...nemmeno oggi possiamo andare al parco, il nuovo branco comunque è attivo .... mi sta distruggendo casa .... ahahahah!!! e quando fanno i cattivi servizi si coalizzano perchè anche Rudy prende parte alle malefatte ....ahahahah!

Un abbraccio e buon fine settimana!

Caterina ha detto...

ciao Riri, oggi andremo dal mio fratello maggiore Karcsi (Carlo). Speriamo che il tempo non ci ostacolerá. Qui -5 e promettono ancora neve.
Baci e sorrisi a te e famiglia :)