Follow by Email

martedì 18 dicembre 2012

Un fiocco per tutti e buon Natale:)

Fiocco di neve C'era una volta, tanto tanto tempo fa ( ma c'è ancora cari bambini), un bellissimo fiocco di neve leggero che danzava nell'aria alla ricerca di un posto dove posarsi...Era un mattino come tanti, ma in quel piccolo paese di montagna era scesa la neve, prima leggera come una piuma, poi sempre più intensa e mano a mano che i fiocchi diventavano un pò più grandi, i bambini del paese guardavano, col naso all'insù, sperando si posasse e creasse un velo, per poter fare tante palle..Ma in mezzo al loro, solo un fiocco era rimasto distante un pò più in alto e non sapeva cosa fare e fu così che volando leggero leggero nell'aria quel grazioso pallino si ritrovò lontano e solo. Camminava nel cielo guardandosi intorno e finalmente vide una piccola casetta con due bambini che giocavano su un prato. I fiocco di neve voleva andare da loro, ma non sapeva come fare, lì in quel prato c'era solo fine rugiada e la neve non era caduta. Uno dei bambini si guardò intorno con occhi sognanti, aveva sentito che nei paesi vicini c'era un manto bianco ed alto, e tutti giocavano facendo palle e pupazzi,l'aveva visto in televisione ed aveva chiesto alla sua mamma come mai lì da loro non cadesse mai la neve. La mamma non sapeva cosa rispondere, diceva solo di aspettare un pò, qualcosa sarebbe arrivato. Intanto il nostro piccolo fiocco di neve era nell'aria, fluttuava leggero, ma aveva tanta paura di sciogliersi prima di posarsi sul prato dei piccoli e fargli vedere qualche magia..Fu il più piccolo dei due bambini che lo vide ed alzando in aria le manine, cantava: - "vieni giù, vieni giù, noi ti aspettiamo da tanto tempo". Il nostro piccolo fiocco d neve si commosse e quasi gli veniva una lacrima, ma si sa bene che i fiocchi di neve non possono piangere, altrimenti si sciolgono e puff scompaiono..Allora cosa fece? Decise di andare giù da loro, in quel bellissimo prato verde, ma poi ci ripensò e mentre scendeva diceva a se stesso: "ma cosa se ne fanno di un solo fiocco, non possono nemmeno giocarci"? Pensa e ripensa il nostro pallino intanto scendeva sempre più giù e si adagiò sulle manine del piccolo bimbo che sorridente lo aspettava..Ed ecco che avvenne la magia attraverso gli occhi del piccolo il fiocco diventò scintillante ed il bambino lo guardò incantato, perchè vide dei colori bellissimi, dei bambini che si tenevano per mano e cantavano, dei ruscelli, fiumi, alberi ed uccellini e poi arrivò anche l'arcobaleno. Ecco che il nostro pallino aveva fatto la magia. Se guardi il mondo con gli occhi di un bimbo tutto è magico e leggero:-)

lunedì 10 dicembre 2012

La mia/nostra Africa:-)

Quest'anno è stato bello e commovente, ho visto insieme agli amici un pezzo del Camerun, un piccolo villaggio dove si sopravvive. Le parole ed i sorrisi che ci hanno regalato hanno dato un senso al percorso di un anno, ad un Natale diverso, coinvolgente, dove ci si sentiva immersi in un percorso difficile, una piccola goccia del grande mare, ma si comincia così.Ascoltare queste persone è un arricchimento, ci si sente piccoli piccoli..Si torna a casa con la speranza, forse è poco, ma chi è abituato come me, ad vere tutto ed anche il superfluo un pò si vergogna, anche se ci è stato detto che siamo vicini, col pensiero, i video e tante piccole cose che per noi e loro sono importanti ed il tutto assume un significato che va oltre...

mercoledì 28 novembre 2012

Storia di E.

Era stato un ragazzo come tanti, pieno di sogni, di aspettative, aveva studiato tanto, conosceva tre lingue e l'azienda presso cui lavorava lo mandava spesso in giro per il mondo perchè era un tecnico specializzato per il funzionamento di macchinari nelle fabbriche..Ma un giorno decise di ritornare dalla Cina, dove era stato 5 anni, si sedette su una panchina al parco ed iniziò a bere. Una persona gentile, attento, parlava con pochi, ma tutti gli volevano bene perchè non dava "fastidio", non chiedeva soldi, ma giorno per giorno la sua vita si spegneva. Un mattino, più freddo del solito qualcuno chiamò l'ambulanza, rischiava il congelamento, fu così che venne ricoverato in ospedale e ci stette tre mesi, per una grave infezione ad una gamba.E qui avvenne il miracolo. Molte persone nel quartiere si attivarono per trovargli una casa, gliela arredarono, gli riempirono il frigorifero e quando tornò ebbe un tetto e degli amici. Sembra una storia di Natale, dove tutti si sentono più buoni, l'amico silenzioso cambiò vita, certo continuava a bere, forse un pò meno, ma quando lo si incontrava in giro, con la sua borsa della spesa ci si accorgeva che era un altro. Due matrimoni falliti, una figlia in Cina, una qui a Torino, psicologa, che non volle mai rivederlo..e lui la cercava. C'era ancora tanta tristezza nei suoi occhi, ma le poche volte che parlava con qualcuno diceva di sentirsi molto solo, ma era vivo, qualcuno sosteneva che si fosse salvato. Ancora oggi, dopo tanti anni io mi chiedo: salvato da chi?

lunedì 19 novembre 2012

Turin Marathon 2012 ..

Un evento che non mi perdo mai, passa sotto casa , questa volta eravamo in tanti ad aspettare gli atleti, uno in particolare, per cui facevamo un tifo da stadio:-) La maratona è un momento importante, mi è stato detto che correre apre la mente, fa stare bene con se stessi e con gli altri..

giovedì 8 novembre 2012

Un atollo alle Maldive


A volte si ha bisogno di un'isola deserta, piccola, con poche noci di cocco, pesce in quantità ed il sorriso luminoso del sole. Quando si comincia a perdere qualche ricordo, quando è difficile riportare alla mente qualcosa che si riteneva importante..ecco che compare un pizzico di malinconia, dolce, lieve, con cui librarsi ed allontanarsi per un pò..Ma non per chiudersi a riccio, bensì per assaporare al meglio quello che ci circonda.  per poter continuare a sognare...

Ed ecco già il merlo
che banchetta in giro
e non ha paura
dell'inverno che incombe
lui sa volare
e cerca con un battito
d'ali... lieve
il sorriso del giorno.


sabato 27 ottobre 2012

Grazie!!

Carissimi amici auguro a tutti voi uno splendido fine settimana.

"Siamo noi i padroni della parte migliore di noi stessi, quella in cui risiedono i beni più grandi...."Plutarco

venerdì 19 ottobre 2012

Il Poeta

La capacità di cogliere e di esprimere dal vivo gli stati d'animo fa il poeta.
GOETHE massime

Penso che poeti si nasca, c'è una leggerezza dell'animo, un modo disincantato di vedere la vita, una serenità con cui si affronta con dolcezza anche i momenti difficili.
Un caro saluto e buon fine settimana a tutte/i quelli che hanno fatto della loro vita un cammino semplice, nonostante i rovi:-)

venerdì 12 ottobre 2012

38 anni insieme..e siamo ancora qui:-)

Ci sposammo col rito civile 38 anni fa, in seguito ci siamo risposati ancora 2 volte, ho sempre pensato che Liz Taylor e Richard Burton  al nostro confronto fossero dei novellini:-)) La vita insieme mette a dura prova, si cambia, si invecchia , si cambiano un pò i gusti e ci si conosce a fondo.. Spesso si va a cercare col pensiero i momenti belli legati alla gioventù, per sorriderne, una foto in cui si era "belli", un viaggio, un ricordo,
ma la vita vera è quella di oggi, dove siamo consapevoli di aver attraversato tempeste di dolore e di esserne usciti insieme più forti e maturi....
Un caro saluto amici vicini e lontani, vi auguro un buon fine settimana con una massima di Goethe che mi è piaciuta: seminare è meno faticoso che raccogliere:-)


lunedì 8 ottobre 2012

Polpette di melanzane...

Ingredienti:
4 melanzane, mollica di pane, aglio,prezzemolo, 2 uova, pane pesto, un pò di latte e parmigiano.
Svolgimento:-)

pelare le melanzane, tagliarle a dadini e metterle sotto sale per 2 ore, quindi strizzarle bene e lessarle in acqua bollente per 5 minuti, scolarle e schiacciarle ben bene per far uscire l'acqua, riporle in una terrina con gli ingredienti suddetti, fare delle palline, passarle nella farina e friggerle in olio bollente.
Buon appetito!!

E' esploso l'autunno ed i colori intensi sorridono agli occhi, l'albero si spoglia e tiene in sè radici di altra linfa, ed è bello sfiorarlo, un pò come un amico. L'autunno è come una sinfonia in sordina, riposa gli occhi il sole, pallido col suo tepore ...è un dono questa vita che assaporiamo piano.
Ciao!!:-)

venerdì 5 ottobre 2012

Confucio, massime. Buona vita:-)

Il Maestro disse: di uno che non dubita mai sul da farsi, io non so che farmene.

La retorica confonde la virtù, l'insofferenza nelle piccole cose confonde anche i grandi progetti.

L'uomo superiore è universale e non fazioso. L'uomo dappoco è fazioso e non universale.


lunedì 24 settembre 2012

Il tempo passa, l'amicizia vera resta:-)

A volte al risveglio ci sono momenti di incertezza, ci si illude ancora di essere unici per qualcuno, amico, parente, si pensa di occupare uno spazio importante nel cuore di una persona, un amico, un amore, ma non è così. Oggi c'è molto egoismo, si pensa troppo a se stessi e si lascia poco spazio agli altri. Ma questo fa sì che ci sia anche un'enorme solitudine, allora si abbraccia il silenzio e ci si chiude a riccio.


mercoledì 12 settembre 2012


E' l'ora...
E' l'ora del perdono 
luci soffuse riflesse
negli occhi di un bimbo
danno un sorso di vita
ed il velo che si specchia 
nella malinconia di un ricordo 
alza un pannello rosa
 e..volano gabbiani.

 Peperoni ripieni alla mia maniera,
 ingredienti: 4/5 peperoni rossi e gialli rotondi e spessi,aglio e prezzemolo olive,1 uovo, olio evo,pan pesto, mollica di pane, formaggi, prosciutto, svolgimento:-)
 tagliare i peperoni a metà e riempirli con questo ripieno: in una terrina riporre del pane bagnato con latte e strizzato, pezzetti di formaggi vari (io ho usato pecorino e berna),aggiungere pezzetti di prosciutto ed olive senza nocciolo, aglio e prezzemolo tritati, una volta riempiti i peperoni irrorarli con olio ed un pò di pan pesto. 
Riporli in una teglia su carta da forno oleata, aggiungere 1/2 bicchiere d'acqua e cuocerli al forno per 30' a 160/180°, controllare se è necessario aggiungere altro sugo e voilà il peperone è fatto!:-)

 Un caro saluto a tutti gli amici vicini e lontani, è bello essere nonni, stanca un pò, ma si entra in un mondo di favole.

martedì 21 agosto 2012

Castelli di sabbia

Castelli di sabbia, giochi d'ombre e di luci onde armoniose lambiscono grida di gioia sospese, cristalline risate e torni bambino il sole ti bacia, un tuffo e riemergi, radioso e sublime. Ciaoooo!!!

sabato 14 luglio 2012

Incontri

Occhi scuri e profondi, mani avvezze al lavoro, cuore smarrito, sorriso audace. Spesso le parole non servono... Ciao

sabato 9 giugno 2012

Ritorno alle origini :-) Napoli, mio grande amore.

Sono ritornata dove c'è il sole che accarezza, dove il respiro è più lieve ed a tratti si trattiene
per la bellezza che ti circonda.
Sono tornata alle origini, dove sono nata, dove ho vissuto le mie prime battaglie, un pò vinte
un pò perse, lotte che mi hanno arricchita e dopo Napoli nessuna città mi sembrava bella ed accogliente,
poi mi sono fermata a Torino, ricca di storia, arte, cultura e mi sono di nuovo innamorata :-)
Napoli ha lasciato nei miei ricordi una scia di emozioni che mi porto dentro, averla rivista così dopo tanto tempo mi ha fatto capire che le radici hanno un senso, anche se sembravano smarrite.
Grazie alla mia città che mi ha di nuovo sorriso insieme a  tutti gli amici che hanno condiviso ed arricchito la mia emozione :-)
Un buon fine settimana a Gabry ( magnifica la sua ospitalità,per tutto il tempo mi sono sentita a casa mia), Rosellina e Lina che ci hanno fatto conoscere la loro bella famiglia, la Rosy  che ci ha accolto con un pranzo da matrimonio,  Zicin, che è arrivata col suo morbido sorriso dolce e radioso, a tutti quelli che ho "visto" per la prima volta ed agli amici che per mancanza di tempo non ho incontrato e che aspetto qui.
Ora tocca a voi, la mia casa è la vostra casa.
Ciao amici vicini e lontani, mi mancate ....ciao Antonella, Aldo, Katy

Buon fine settimana a tutti gli amici che ho conosciuto sul web, tutti magnifici!! Chissà, forse un giorno ci conosceremo tutti:-)

lunedì 21 maggio 2012

Piove...

..piove sui faggi
su chi non ha più casa-amore
piove sulla paura della natura
su chi è ferito-offeso
piove su mani tese
sulle speranze-attese
piove sul campanile
che porta suoni
dolci di preghiera ..

Un saluto e buon inizio settimana cari amici vicini e lontani...

mercoledì 16 maggio 2012

Mine vaganti....risotto pasticciato

Siamo mine vaganti
feriti
tra silenzi e parole
il vuoto a volte
colma la speranza

Il risotto pasticciato è un'invenzione personale, si fa con quello che resta nel frigo, io l'ho fatto così.
Lessare il riso ( 1 tazzina e 1/2 per persona), molto al dente, soffriggere un pò di zucchini, con 2 carote, 1 cipolla di Tropea ed un pezzetto di salsiccia, in una  teglia versare il riso, condirlo con questo sughetto, aggiungere dei pezzetti di scamorza o caciocavallo, olive verdi a pezzetti , quindi mettere la teglia al forno per 5' a 160° e portare in tavola aggiungendo a piacere un pò di peperoncino piccante.
Buon appetito e saluti a tutti.

mercoledì 9 maggio 2012

Amazzonia, liberi di....

Ho letto un articolo sull'Amazzonia e sul dibattito che è tuttora in atto circa la "modernizzazione" di alcune tribù.
Ci sono comunità che non hanno mai avuto rapporti con il nostro mondo, si trovano negli angoli remoti dei Tropici, in Brasile o in Nuova Guinea, qui la gente vive libera, nuda, nel vero senso della parola, si ciba di prodotti della terra e del mare, non ha medicine, quindi la durata della vita è abbastanza breve. Alcuni antropologi sono in netto contrasto sulla cosiddetta civilizzazione forzata. I popoli amazzonici isolati vivono da fuggitivi ,  presso le più lontane sorgenti degli affluenti, spesso sopra le cataratte e oltre il punto dove anche una piccola piroga può passare, nel timore costante di essere scoperti e resi schiavi o uccisi dall'uomo bianco... ma se li lasciassimo in pace fino a quando decideranno da soli di fare altrimenti?

venerdì 27 aprile 2012

... ricette con..zucca :-)


frittelle di zucca:
lessare a vapore un pezzo di zucca, mettere la pola nel mixer aggiungendo poco zucchero, 2 uova e la scorza di arancia, frullare, mettere il composto in una terrina ed aggiungere farina (circa 2 etti) e lievito per dolci, ottenere un impasto omogeneo, con un cucchiaio prendere un pò di impasto e friggerlo in olio  bollente appena le frittelle si gonfiano bisogna girarle e toglierle appena sono dorate..riporle su carta assorbente, farle asciugare e spolverarle con zucchero, mangiarle calde:-)
 
Pennette filanti alla zucca..
 
Tagliare la zucca a cubetti soffriggerla con lo scalogno  e sfumare con vino bianco, lessare delle pennette, una volta scolate, al dente, aggiungere il sughetto della zucca e peperoncino, cospargere del pecorino grattugiato.
 
Un saluto, buon fine settimana agli amici vicini e lontani, 

sabato 21 aprile 2012

Corsi di scrittura autobiografica

"Ha iniziato Milano con un corso di scrittura autobiografica, lo scopo non è pubblicare, ma vivere meglio. Sono soprattutto le donne a scrivere poesie, diari e romanzi ed il 65% dell'editoria tradizionale porta la loro firma."
E se davvero mancassero le parole?
"Marcella Panseri classe 73, ha inventato con "Fiabe per dire" consultabili sul sito internet www.fiabeperdire.com , un nuovo modello di comunicazione narrativa. Funziona così: le si racconta tutto su amici o parenti, allegando anche qualche foto e 10 gg. dopo la fiaba è pronta".  Lo trovo molto interessante e voi?
Un caro saluto e buon fine settimana.

martedì 10 aprile 2012

Gli occhi..dell'anima


La luce scorre nelle tenebre
pannelli di colore variopinti
aprono il cuore al sole.
La luna argentea
si specchia nel mare
e tu ne senti
il luccichio.
Le onde si increspano
creando una danza
e tu a piedi scalzi
contempli il mare.
Il sole scalda il tuo bel viso
e tu ti inebri
di calore - colore.
La mano che ti stringe
si sente intimidita
tu guardi nel profondo
ed il mio cuore palpita
d'amore per te...

giovedì 29 marzo 2012

L'altra metà del..cielo


Oggi mi torna in mente un discorso che mi fece un amico anni fa: esiste gente che è pronta all'amore, all'amicizia, ma c'è sempre l'altra metà del cielo. Chi ama gli animali, chi no, chi ha apertura mentale, chi si chiude in un guscio che crede protettivo, chi crede che la famiglia sia il solo interesse di vita, chi starebbe come me anche  con gli altri, senza nulla togliere a chi ama..L'altra metà del cielo racchiude un mondo di persone schive all'incontro, al cambiamento, all'apertura, non sono da giudicare, nè condannare, va capito il perchè..ma non sempre è facile. Amo gl incontri nuovi, parlare con gente che non conosco affatto, ci riesco benissimo, mi hanno detto che è un dono, ma non ne sono convinta, penso sia la napoletanità che emerge, il voler cantare per le strade, l'assurdo bisogno di coinvolgere tutti.
Non so se il mattino porta nuovi incontri, l'animo è stanco, alberga l'oblio, un volto nuovo mi riapre al sorriso e..canto:-)
Buona giornata a tutti amici vicini e lontani..buona vita:-)

lunedì 19 marzo 2012

Buondì...

Guardai dal lettore di un solo libro: San Tommaso D'Aquino

Mi ha colpito molto questa frase e l'ho messa qui, per me leggere è bello ed essenziale e per voi?

mercoledì 14 marzo 2012

Ogni giorno ha la sua pena...

Si trascina la sua valigia, con fatica, gli occhi sempre sorridenti, pronto ad aiutare chi è in difficoltà, ormai vive in questo quartiere da una vita, partecipa da lontano a tutti gli eventi, ma qualcuno lo chiama...- "vieni Sayid"!! Si avvicina un pò con timidezza, poi riconosce qualcuno ed ascolta, coinvolge e si fa coinvolgere dalla festa. Questo ragazzo ha una storia terribile , ha lasciato un mondo di miseria, guerra, fame. E' partito per trovare un pò di dignità negata e l'Italia gli sembrava un lido d'approdo sicuro..Ma non è così, c'è ancora tanta diffidenza per chi viene da lontano ed a stento parla la nostra lingua, si avverte ancora nell'aria il razzismo e lui ne è consapevole, quel poco lavoro che c'è è conteso tra troppe bocche-mani, ma Sayid fa mille lavoretti, si guadagna da vivere onestamente e la sera porta a casa qualche euro che condivide con altri 5, perchè questo si impara a conoscere persone come lui : la condivisione!

venerdì 9 marzo 2012

Dedicata ad R.L.

Resto sempre su un'isola, ora si è un pò affollata
sapessi com'è bello..amore conservato
che resterà immutato, nel tempo, oltre la vita.
Amore mattutino come il volo di un canarino,
amore mio lontano, ti prenderei per mano
per percorrere insieme quel che resta del tempo,
quel che resta del giorno
quel che resta nel cuore: tu sempre presente.


Ciao amici, buon fine settimana.

venerdì 2 marzo 2012

Il tempo!!!

Manca il tempo, sono tutti in affanno, ieri un tipo è passato col rosso mentre ero sulle strisce pedonali, mi ha trovata in un momento di pace con me stessa ed il mondo, altrimenti lo avrei rincorso e riempito di parolacce. La fretta, più avanti un altro semaforo, con un incrocio che costringe a fermarsi per lo stop...e meno male. Sulle famose strisce sono stati investiti dei pedoni un pò lenti, un pò vecchietti, per fortuna niente di grave, ma l'uomo quando andrà più adagio? L'uomo corre, lavora e corre con ritmi esagerati, soprattutto al mattino, basterebbe alzarsi un pò prima, l'uomo continua a correre quando è in pensione, alla cassa del supermercato ci sono persone che hanno premura, senti la loro ansia alitarti sul collo, io qualche volta li faccio passare..Correre, verso cosa, chi? Ieri ai giardini c'era una scena bellissima, gazze piccole che volavano su un tiglio esageratamente alto, bambini che giocavano con l'incanto dell'età senza "corse" ma con tanti perchè:-)Mi sono seduta ad ammirarli ed ho pensato: questa è la vera primavera!!
Buon fine settimana, cari amici vicini e lontano, e mi raccomando, non correte:-)

venerdì 24 febbraio 2012

Pensieri e parmigiana di zucchini:-)

Non importa come nasci, ma come vivi la tua vita. Questa considerazione l'ho fatta spesso e proprio ieri l'ho sentita ripetere in un documentario sugli uccelli. A volte nascono in posti difficili, nelle città, vicino ai comignoli o in nidi traballanti su alberi grulli, ma essi hanno un dono: volano in alto!!Anche l'uomo può farlo, deve solo volerlo.Un abbraccio cari amici vicini e lontani e buon fine settimana in pieno volo!!:-)

Ingredienti:400 gr. di zucchini, scamorza, 3 uova, un bicchiere di latte, farina,parmigiano,pomodori per il sugo, olio exv e sale q.b.salsiccia,farina

Friggere gli zucchini dopo averli passati nelle uova sbattute con il latte e nella farina, preparare un sugo di pomodori, in una teglia fare 3/4 strati di zucchini,su ogni strato cospargere pezzetti di scamorza, parmigiano, un pò di sugo e dei pezzetti di salsiccia cruda, sull'ultimo strato solo sugo ed un uovo sbattuto che si fa scivolare delicatamente all'interno del composto mettere in forno a fuoco medio per 20'circa, coprendo la teglia con carta alluminio, da togliere verso gli ultimi 5'.
Buon appetito:-)

domenica 12 febbraio 2012

Grazie alla vita...

Oggi voglio ringraziare la vita che mi ha regalato veramente tanto, anche se spesso non me ne accorgo, anche se ogni tanto mi dico: "forse meritavo di più", ma poi un pò mi vergogno, la vita mi ha regalato un figlio meraviglioso, a volte penso di non meritarlo e per lui, giovane uomo, in giro per il mondo oggi mi regalo un vestito senza rimpianti.Buona domenica, senza ricette:-),ma tanta simpatia.

giovedì 9 febbraio 2012

L'attesa... carciofi, patate e zucchini:-)

L'attesa, non è il pugno di riso
lanciato,
la mano stretta a promesse,
l'attesa è il chicco che si posa
e crea coriandoli bianchi
e forma parole indistinte
lasciando l'asfalto
ai ricordi...

Tagliare 3 carciofi fettine sottili, lasciandoli a bagno con un cucchiaio di farina, 3/4 patate a spicchi, 2 zucchini a rondelle, 2 agli e peperoncino + olo exv.
Esecuzione:-)
Riporre in una padella molto grande le patate e gli zucchini, far rosolare con olio ed agli, aggiungere dopo pochi minuti i carciofi e cuocere a fuoco lento, rimescolando di tanto in tanto, se necessario aggiungere un dito d'acqua, sale q.b.verso la fine (dai 20 ai 25') aggiungere il peperoncino e portare in tavola fumante..
Buondì a tutti, per tutti i dì, spesso la tristezza prende il sopravvento, mi accompagna dolcemente in alcuni passi del giorno, ma poi mi lascia, così come è arrivata e la vita sorride ed io ritorno a vivere come un pensiero nuovo, una pagina da sfogliare ancora per assaporare la vita...

sabato 4 febbraio 2012

Chi crediamo di essere....torta con noci e mandorle.

E' il titolo di un libro di Massimo Piattelli Palmarini, professore di Scienze cognitive all'Università dell'Arizona (USA), una lettura molto interessante che mette in primo piano la percezione del vissuto, con i fatti reali che hanno alterato la nostra vita, come effettivi ricordi dell'infanzia che collochiamo spesso in momenti terribili,per poi accorgersi spesso che era il prodotto della nostra mente che ha amplificato un evento collocandolo in un ruolo negativo e/o distruttivo, se così fosse sarebbe per molti liberatorio al massimo.


Torta con noci e mandorle.
300 gr. di farina, 2 uova, 1 bustina di lievito, un bicchiere di latte scremato, olio exv. e/o burro 3 cucchiai dell'uno o 100 gr. dell'altro, 100 gr. di zucchero di canna, un pizzico di cacao amaro, noci e mandorle sbriciolate.
Amalgamare gli ingredienti un pò per volta, dolcemente con un frustino, dopo aver ottenuto una pasta morbida, oleare una tortiera ed infarinarla con poca farina, mettere il composto, su cui spolverare un cucchiaio di cacao amaro, forno, 180°, circa 30'..

Un caro saluto a voi tutti, alla prossima, spero:-)Buon sabato ed anche buona..domenica:-)

lunedì 30 gennaio 2012

Un libro è tante cose...

Noi due siamo il sole e la luna
siamo il mare e la terra.
La nostra meta non è
di trasformarci l'uno nell'altro,
ma di conoscerci l'un l'altro
e di imparare a vedere
e a rispettare nell'altro
ciò che egli è.
Hermann Hesse, Narciso e Boccadoro


Un libro trasmette emozioni, pensieri positivi,a volte fa volare, queste frasi, quasi dei versi, anzi più che poesia mi hanno colpito nella rilettura di questo bel libro, cosa ne pensate?
Buon inizio di una serena settimana amici vicini e lontani:-)

sabato 28 gennaio 2012

RICORDARE SEMPRE!!!!!

Romanzi, saggi e testimonianze per il Giorno della Memoria
Un saluto a tutti e buon fine settimana, non ho molta voglia di scrivere, copio una mail che mi ha colpita per il contenuto scritto ed incancellabile.


Gentile Rosy,

in occasione del Giorno della Memoria le case editrici del Gruppo editoriale Mauri Spagnol ti offrono un percorso di lettura attraverso romanzi, saggi e testimonianze sulla Shoah.

Da venerdì 27 a domenica 29 gennaio più di venti ebook a un prezzo speciale (ribassato fino al 70%)!

Dall’indimenticabile protagonista di Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer all’intensa storia narrata da Clara Sánchez ne Il profumo delle foglie di limone, dalla struggente voce di Helga Schneider in Heike riprende a respirare e Stelle di cannella alla testimonianza di Massimo Ottolenghi in Ribellarsi è giusto; e - in attesa dell’uscita del nuovo libro di Edith Bruck, La donna dal cappotto verde – due d ei suoi titoli più apprezzati: Privato e Quanta stella c’è nel cielo.





Di seguito l’elenco completo dei titoli:

Michele Battini, Il socialismo degli imbecilli, Bollati Boringhieri
Edmund De Waal, Un’eredità di avorio e ambra, Bollati Boringhieri
Enea Fergnani, Scordatevi di essere vivi, Bollati Boringhieri
Massimo Ottolenghi, Ribellarsi è giusto, Chiarelettere
Dieter Schlesak, Il farmacista di Auschwitz, Garzanti
Clara Sánchez, Il profumo delle foglie di limone, Garzanti
Dan Franck, Mezzanotte a Parigi, Garzanti
Aram Mattioli, Viva Mussolini!, Garzanti
Edith Bruck, Quanta stella c’è nel cielo, Garzanti
Edith Bruck, Privato, Garzanti
Jonathan Safran Foer, Ogni cosa è illuminata, Guanda
Pascale Roze, Un caso di ordinario coraggio, Guanda
Goce Smilevski, La sorella di Freud, Guanda
Kenneth Wishnia, Il quinto servitore, Longanesi
Dan Vyleta, L’uomo di Berlino, Longanesi
Sergio Romano, I falsi protocolli, Longanesi
Nir Baram, Brave persone, Ponte alle Grazie
Uri Orlev, L’isola in via degli uccelli, Salani
Helga Schneider, Heike riprende a respirare, Salani
Helga Schneider, Stelle di cannella, Salani
Ursula Brazaghi, Un bambino piange ancora, TEA

Buona lettura!


Torneo Letterario IoScrittore ed. 2012
Sono aperte le iscrizioni all'edizione 2012 del Torneo Letterario IoScrittore
Un torneo completamente gratuito che garantisce la piena libertà degli autori

Partecipa con la tua opera oppure segnala ai tuoi amici il Torneo Letterario IoScrittore girando loro questa email, scrivendo un post sul tuo blog o promuovendolo su Facebook.

Tutte le informazioni su www.ioscrittore.it
Diventa fan della pagina ufficiale www.facebook.com/ioscrittore
www.illibraio.it
www.facebook.com/illibraio
www.twitter.com/illibraio



IL LIBRAIO / Un progetto del Gruppo editoriale

lunedì 23 gennaio 2012

Storie di vita condivisa ...

Lui era un ragazzo ricco, ma aveva avuto una vita un pò dissoluta, tra droga ed alcool, grande viaggiatore, mi raccontva le sue imprese, i suoi safari, le onde che aveva cavalcato, tutti gli sport che aveva fatto, donne, case ed animali. Infatti ci conoscemmo perchè aveva salvato un cane tenuto sotto custodia dal canile di Torino, perchè utilizzato in combattimenti. Un pit bull, si chiamava Dolce, ogni tanto lo portava ai giardini e parlavamo per ore, lui delle sue avventure, io delle cose in generale, poi arrivò lei: una cinesina meravigliosa, giovane, esile, operatrice di borsa a wall street, nata e cresciuta in america. Essendo il mio amico un grande viaggiatore, andava spesso in America per affari e lì conobbe la ragazza, fu un amore travolgente, un colpo di fulmine, la portò in Italia perchè c'era un pò di crisi lavorativa, lei sperava di operare alla borsa di Milano, ma fu diffile, intanto stava qui con lui ed usciva con Dolce, oppure a fare spese. Un giorno mi raccontarono che arrivò la polizia, alle 3 del mattino c'era stato un episodio sgradevoe, sembravano ladri, in realtà erano loro che buttavano tutto dalle finestre. Un amore tumultuoso, giovane, spavaldo, ma impossibile da gestire, lei mi chiamò per salutarmi (ritornava in America), lui scomparve. Mi piace pensare che siano tornati insieme ora, che abbiano trovato la maturità per una vita più serena, mi piace pensare a Dolce che con loro era molto felice...

Buon inizio settimana cari amici, le distanze si colmano, se si vuole bene:-)

venerdì 13 gennaio 2012

mare..moto :-)




Siete simili, gocce di rugiada sugli alberi, voglia di correre, momenti di tenerezza, eppure colgo a tratti un pò di ribellione che fa del gioco una rivincita, e vi spingete..e vi cercate, come due bimbi che saltellano ed allietano il giorno.

Buon fine settimana amici....

giovedì 5 gennaio 2012

Riassunto..:-) e news..notizie ANSIA e dolce alle noci

Anno andato..chissà dove, aspettative e nuovi dolori, nei primi giorni di questo gennaio freddo e strano influenze a gò gò, il quartiere ne è pieno, anche qui da me, non mi lamento, c'è sempre di peggio..allora mi perdo in congetture astruse, penso alla vita che mi ha regalato un carattere battagliero, quasi niente mi abbatte, solo gli esagerati lamenti di chi ha tutto e non se ne accorge..Penso a chi dà, senza nulla chiedere, a chi prende a piene mani e non riesce nemmeno a dire un grazie, agli egoisti, che anno in più, anno in meno, restano tali e quali, poi sorrido perchè conosco uno stuolo di persone il cui sorriso contagia e conforta..e la vita scorre...

Dolce alle noci:
2 uova, 3 etti di farina, 1 bustina di lievito, un bicchiere di latte, 3 cucchiai di zucchero, una decina di noci sbriciolate, guarnizione con budino al cacao amaro,3 cucchiai d olio exv.
Svolgimento:
in una zuppiera riporre le uova e pian piano un pò di farina, mescolare adagio con un frustino, (mi scappa anche la rima) :-)),aggiungere lo zucchero, il lievito, il latte, l'olio la rimanente farina, fino ad esaurimento, quando si ottiene una crema omogenea si aggiungono le noci sbriciolate,si unge una teglia con l'olio, si spolvera con la farina, si ripone il composto e si inforna a 180°, circa 25', una volta estratto il dolce si sparge sulla superficie un budino al cacao preparato in precedenza, un pò di zucchero a velo e voilà, il nuovo pasticcio anno 2012:-)
ps.l'olio si può sostituire con il burro.
Buon appetito:-)