Follow by Email

lunedì 4 luglio 2011

La figlia ribelle...4° punto

Il viaggio fu molto lungo, avevo deciso di andare molto lontano, di mettere una distanza enorme tra me ed il mio passato. Anche se poi con il tempo che passa, i ricordi restano intatti, vigili, a farti ancora sanguinare una parte della tua anima.
Arrivai al mattino, il tempo era stranamente bello, mi aspettavo una giornata grigia e fredda, pensavo che tutto dovesse accompagnare quella mia fuga verso l'ignoto, una nuova vita, invece trovai una città sveglia , tram affollati, gente che si recava al lavoro, altri al bar a fare colazione. Decisi di andare a chiedere un pò d'informazioni e m'infilai, con la mia valigia rossa, in un bar carino, pieno di avventori. Mi sedetti e con una calma, quasi nuova per me, mi feci portare un caffè e chiesi di un albergo dove potessi sistemarmi temporaneamente in attesa di trovare un lavoro. Fui fortunata, era a pochi passi, così vi andai subito, presi una stanza in affitto, m'infilai sotto una doccia bollente e fantasticai su quella mia nuova situazione. Ero completamente libera, nessuno che mi controllasse, nessuno che mi impedisse di vivere e respirare, allora sorrisi allo specchio, mentre mi pettinavo, ero una donna diversa, vidi un'immagine riflessa quasi sorridente: il mondo era mio!!
Quel primo giorno me ne andai in giro per la città, tutto era nuovo per me, l'arredo urbano, i palazzi austeri, le fontane zampillanti, era così diversa dalla mia Napoli, così seria...
Ad un tratto fui presa dal panico e mi chiesi se fosse proprio la città giusta per me, in fondo ero libera di andarmene da un'altra parte, mentre ci pensavo seriamente, ecco che mi colpì l'annuncio su una vetrina: cercasi giovane commessa, bell'aspetto, per lavoro di pulitura capi in pelle e pelliccia. Entrai, fui assunta subito, quindi decisi che era proprio questa la mia nuova città, il mio nuovo mondo. Avrei iniziato a lavorare l'indomani, ero euforica, pensai che dovevo cercarmi una camera ammobiliata, quindi ritornai nel mio bar e chiesi informazioni, mi dettero un indirizzo ed io mi fiondai subito. Era una casa indipendente, con orto e giardino, una fontanella nel cortile spazioso, mi affittarono una camera al piano terra con bagno adiacente. La prima impressione che ebbi fu quella di aver trovato una nuova famiglia, c'erano due persone anziane, vecchi coniugi ed una ragazza che aveva la mia stessa età. Lei era un pò chiusa, diffidente, ma pian piano diventammo amiche e fummo inseparabili.

33 commenti:

Paolo ha detto...

Una nuova città, un nuovo lavoro.
Una nuova settimana.
Un abbraccio, Paolo

rosy ha detto...

La fuga sta diventando una meravigliosa aspettativa per tutto ma sopratutto per la libertà conquistata.

la fortuna accompagna questa fuga e questo correre verso la vita e la libertà
Lavoro casa inizio davvero promettente.

Bisogna festeggiare questo post e la libertà conquistata.

Pastarelle e caffè sedute insieme alla "vagabonda" al suo primo bar
della sua nuova città.

Buona settimana!
Bacione!

Lina-solopoesie ha detto...

RIRI bUON GIORNO .
Bello e emozionante anche il 4°capitolo .
Andare lontano verso una nuova vita è si! una svolta giusta .Ma il passato non va dimenticato , anche se fa male al cuore , perchè rappresenta la chiave di vita.Chi controlla il passato controlla il futuro.Chi conrolla il presente controlla il passato.E' una frase di Orwell,
scrisse : Il vincitore può, se disonesto, riscrivere la storia. E se cancelli un errore dal passato non hai esperienza di esso, e puoi ricommetterlo nel futuro. Anzi, si è destinati a ripeterlo proprio perchè non si ha scordato le conseguenze, con tutti i suoi pro e i suoi contro, può andare avanti senza problemi.Allora non ci resta che Vivere il presente con una quasi e affaticata serenita'
sperando in un fúturo di gioia.
( Un mio pensiero ) BUON INZIO DI SETTIMANA LINA.

il monticiano ha detto...

Ammiro il tuo coraggio, la tua ingenuità, la tua spensieratezza.
Hai fatto bene.
Ciao "bella presenza" tuttora e, alla faccia di Nico', un grosso bacione.

Lara ha detto...

Come si sente la libertà e una nuova energia, in questo post, cara Riri!
Mi piace :)
Ti abbraccio,
Lara

zicin ha detto...

La libertà è impagabile e merita qualunque sacrificio.
Essere padroni di se stessi dovrebbe essere una condizione naturale, ma a volte non è così.
Ci vuole coraggio per cambiare e riprendersi la propria vita e la tua eroina lo ha fatto.
Un bacio ed un sorriso

Caterina ha detto...

ciao Riri,
dopo il primo passo "la figlia ribelle" é riuscita a fare anche gli altri passi perché aveva delle idee chiare. Sapeva cosa voleva e come reallizzare i suoi sogni. Godeva la libertá e poteva vivere con questa libertá. Dopo sicuramente avrebbe incontrato anche delle difficoltá. Proprio per questo aspetto molto il seguito:))
Baci da una donna che ora in poi é in vacanza:))

Luigina ha detto...

E' proprio il caso di dire che la fortuna ha aiutato la tua audacia, il tuo coraggio e la tua voglia di cambiare la tua vita. Ti ammiro per questo, perché invece a me son mancati, anche se ora non ne sono pentita, ma sarebbe bello ripercorrere a ritroso le proprie scelte e vedere come sarebbe andata a finire se....Comunque il tuo racconto procede fluido anche se forse volutamente non ha detto tutto in questo importante passaggio ...o no? ;)

Pietro ha detto...

Un altro ottimo brano, assai scorrevole, una gradevolissima lettura.
Un cordiale saluto, buona serata :-)

amatamari© ha detto...

E mo?
:-)

Paola ha detto...

Wowwwwwwwww!!!
Un nuovo tutto... aiutata anche dalla fortuna di trovare subito un posto di lavoro... e finalmente la libertà di vivere!!!
Letto tutto d'un fiato... attendo gli sviluppi... :-)))
Ciao Riri cara eh si... devo ancora attendere le sospirate ferie qualcosina ho fatto a giugno qualche giorno farò questo mese e una settimana ad agosto... il resto si vedrà settembre/ottobre (spero hehehehehe) e tu?
Bacione per una felice giornata!!!

laurela ha detto...

Buongiorno mia cara amica. Questa storia della figlia ribella sembra un po' la mia anche se non sono proprio nei suoi panni. Un abbraccio baci e chicchi di caffe'.

zicin ha detto...

Buon dì, cara Riri, qua piove... piove... piove e non mi dispiace per niente... il mio prato sta godendo.
Ho preparato il caffè e ho dei pasticcini... sarei a dieta... ma uno strappo con te lo faccio... dai serviti che poi riprendo le mie faccende.
Un bacio ed un sorriso

Caterina ha detto...

Ciao cara, ho fatto e faccio la pulizia eccetto le finestre. Ho visionato anche le valigie:)). Domani metteremo a posto il giardino e riposiamo un po o piú:)). Verrá con noi anche l'amica-collega Gabi.
Un bacione e sorrisi

Renata ha detto...

Questa "ragazza ribelle" sta realizzando il sogno segreto di noi ragazze. Di tutte quelle che avrebbero voluto sganciare gli ormeggi per avventurarsi nel mare aperto della vita. Ed è anche in questo il fascino ineludibile di quest'avventura che ci invita, incuriosisce.....affascina ! Alla prossima con interesse partecipe. Un bacione.

Lina-solopoesie ha detto...

RIRI
Oggi da me ha fatto cattivo tempo ed ha anche piovuto .
Mamma che tristezza ! Faccio bene io che quando posso esco sempre , così mi godo l'estate minuto x minuto. Ora ti lascio perchè è ora di cena . Ti auguro una buona serata ... A presto ...ovvero , alla prossima .un bacio a te! Lina

Costantino ha detto...

Un viaggio senza paura verso il nuovo,una fuga in direzione della vita.

Caterina ha detto...

Ciao dolce fanciulla,certo che ti portiamo nel giardino:)). Devi portare con se anche il costume di bagno per poter fare un tuffo nella piscina e nel lago "grande".
Baci e sorrisi

laurela ha detto...

Buongiorno cara mia Riri. Si sta molto bene con le amche e poi se gli uomini non ci sono allora meglio perche' possiamo fare tante chiacchiere... Un abbraccio e buona giornata.
Come stai???

zicin ha detto...

Cara Riri,oggi caldo intenso... ho trafficato tutto il giorno con l'acqua perchè mi dava sollievo.
Ora finalmente si sta bene... veramente si starebbe meglio al mare, ma ora non si può.
Tu quando vai in ferie?
Un bacio

Lina-solopoesie ha detto...

Riri ciaoo.
Stamattina non ci sono stata al computer e quindi non sono venuta da te per il solito caffè
" virtuale" con te. E datosi che soffro d'insonnia a quest'ora posso solo bere una bella tazza di camomilla ( dopo cena) :-) con te anche in bicchiere di acqua diventa piacevole .
CIAO E FELICE SERA LINA

Vittoria A. ha detto...

Ciao riri, eccomi! Che bello il tuo racconto, anche questa volta trovo qualche cosa di speciale e unico, come una melodia. Non e' solo lettura, e' introsezione. Mi piace moltissimo. Oggi ho immaginato un caffe' con te e una conversazione, proprio su questo racconto. Un forte abbraccio cara riri, e' sempre un piacere leggerti e passare da te :)

rosy ha detto...

Buonanotte! bacio

zicin ha detto...

Cara Rosy, mi offri un caffè???
Mi concedo una piccola pausa, poi, riprendo le faccende.
Forse domani mia figlia scende per un paio di giorni... ha ancora un pò di cose da portare via.
Ancora non mi rendo conto della sua assenza.
Un bacio ed un sorriso

Caterina ha detto...

Ciao Riri, un bacione e sorrisi alla dolce figlia ribelle.
Qui fa gran caldo e domani partiamo:)).

rosy ha detto...

Buon pomeriggio bellezza.
Bacione ciao

chicchina ha detto...

Sempre più appassionante la fuga:è una ricerca di spazi,di libertà,di autonomia che si sta realizzando.C'è stato un momento magico,per tanti che scappavamo da qualcuno o da qualcosa,sempre la stessa direzione da sud a nord.Era la magia di trovare subito il lavoro ed anche soluzioni di vita accettabili.
La storia si avvia a felici conclusioni?Aspettiamo ,e intanto un saluto cordialissimo ei il solito caffè domani mattina.

Daniel ha detto...

Mia cara! Come è bello questo racconto. Avvincente e denso di emozioni. Grazie!
Un abbraccio
Daniel

pulvigiu ha detto...

Buona giornata e buon fine settimana, qui iniziano i preparativi per la partenza in Sicilia e sarà venerdì prossimo.

Ciao da Giuseppe.

laurela ha detto...

Ciao mia cara Riri. Eccoci arrivati a un nuovo weekend, ora con un abbraccio e un buon caffe' ti auguro tanta serenita' e pieno relax. A presto.

Maraptica ha detto...

E poi? :) Il nuovo diventa presto abitudine e non per questo è meno bello. Un bacio

zicin ha detto...

Giornata rovente...finalmente si respira.
Sto aspettando ia figlia... arriverà fra un'oretta.
Un bacio ed un sorriso

Pupottina ha detto...

promette bene la storia!
è una rinascita, una ricostruzione di se stessa, più forte e più coraggiosa...