Follow by Email

mercoledì 9 maggio 2012

Amazzonia, liberi di....

Ho letto un articolo sull'Amazzonia e sul dibattito che è tuttora in atto circa la "modernizzazione" di alcune tribù.
Ci sono comunità che non hanno mai avuto rapporti con il nostro mondo, si trovano negli angoli remoti dei Tropici, in Brasile o in Nuova Guinea, qui la gente vive libera, nuda, nel vero senso della parola, si ciba di prodotti della terra e del mare, non ha medicine, quindi la durata della vita è abbastanza breve. Alcuni antropologi sono in netto contrasto sulla cosiddetta civilizzazione forzata. I popoli amazzonici isolati vivono da fuggitivi ,  presso le più lontane sorgenti degli affluenti, spesso sopra le cataratte e oltre il punto dove anche una piccola piroga può passare, nel timore costante di essere scoperti e resi schiavi o uccisi dall'uomo bianco... ma se li lasciassimo in pace fino a quando decideranno da soli di fare altrimenti?

37 commenti:

Adriana Riccomagno ha detto...

Sono d'accordo con te! Lasciamoli in pace!

Anastasia ha detto...

Riri dolcissima, hai proprio ragione, un pò come vorrei a volte si facesse con noi di questi tempi... esser lasciati in pace, liberi di essere ciò che vogliamo e non ciò che altri hanno deciso già per noi!
La libertà... sensazione meravigliosa!
1 bacio!

Debby ha detto...

Non so se la durata della loro vita sia breve, forse è proprio lo stare a contatto con la natura, che poi è la stessa nostra, nutrirsi dei frutti della terra, cacciare per bisogno, e ringraziare l'animale che li nutre perché il loro corpo vivrà nei cacciatori e nelle loro famiglie... Non avere dettami di mode, o imposizioni di chi si prende il diritto di dire cosa è giusto e cosa non è giusto...
Io credo che loro abbiano il vero senso della vita, loro siano l'essenza di come dovrebbe essere l'uomo...
Loro posseggono, inconsciamente, quello che noi cerchiamo costantemente, e che abbiamo difficoltà a trovare: la libertà, la felicità, il senso della famiglia, il senso di gruppo, il senso di civiltà, il senso di rispetto, per sé stessi, per gli altri, facenti parte e non del loro gruppo, per ciò che li circonda, per la natura che li sfama, li protegge e li fa vivere degnamente e dignitosamente, nell'armonia del tutto.
No, non è giusto imporci sul loro status, dovrebbe anzi essere l'opposto, essere il loro status ad imporsi a noi, credo che molte malattie scomparirebbero, e molto benessere pervaderebbe tra noi...
Ma siccome ciò non potrà mai essere, perché la nostra è una società edonistica, allora abbiamo almeno la creanza di lasciar loro la libertà di vivere come vivono, di rispettarli, e ammirarli, e nel nostro piccolo, cercare di fare come loro, almeno nella parte del rispetto....

rosy ha detto...

Cara riri, li raggiungerei anche io.
Non è la durata della vita a fare paura, questo lo temiamo noi, forse, per loro è naturale, ma in cambio quel poco che vivono lo vivono in qualità, credo.
Liberi, una libertà che noi da secoli abbiamo perduto.
Lasciamoli viverli come piace a loro, rispettando la loro volontà.
Come deve essere bella lo loro vita, senza schemi, anche se credo che hanno una loro legge, che noi forse non capiamo.
Hanno paura dell'uomo bianco e fanno bene a temerli.
Bel post, che porta a fare tante riflessioni.
Bacio ciao

zicin ha detto...

Cara Riri, concordo in pieno con Te.
Ogni popolo o tribù ha le proprie abitudini, usanze, leggi... che vanno rispettate.
Non trovo che sia giusto, da parte di altri, intromissioni o imposizioni... ognuno ha diritto alla libertà e la scelta di appartenenza.
Un bacio

Lara ha detto...

Ciao Riri, dovremmo sicuramente lasciarli stare. Chi siamo noi per decidere per gli altri?
Un po' come è successo con i nativi americani. Un grande popolo scomparso per via dei bianchi, dei missionari, ecc...
Eppure, come ben scrive Debby, siamo noi che dovremmo imparare da loro.
Un forte abbraccio :)
Lara

Caterina ha detto...

Penso che gli uomini che non conoscono la civiltà e vivendo più o meno nelle stesse condizioni in cui si viveva tre-quattromila anni fa, non è affatto detto che siano più infelici di noi (anzi, il contrario). Concordo con Lara,dovremmo lasciarli stare.
Baci

Kylie ha detto...

Sono d'accordo con te. Lasciamoli stare che gli portiamo solo malanni.

Baci

Gabry ha detto...

Con sta mania di voler civilizzare tutti e tutto .... Ma siamo davvero sicuri che siamo noi quelli civilizzati per davvero, nel senso più stretto del termine ??? ... è verò avranno una vita meno lunga, però una vita all'aria aperta, immersi nella natura, senza condizionamenti dovuti proprio alla cosiddetta civilizzazione e ricca di tante emozioni che noi nemmeno ci sogniamo.
Ma perchè non li lasciamo vivere in pace e rivolgiamo le nostre energie a risolvere i numerosi problemi che assillano invece proprio il nostro mondo cosiddetto civilizzato?

Bellissimo spunto di riflessione Rirì uyn abbraccio e buona serata.

chicchina ha detto...

L'uomo "civilizzato"non perde il vizio di voler espandere ilo proprio modello di vita,lo sente come un missione,non richiesta, tuttavia, da chi vorrebbe essere arbitro della propria condizione.
Vechio dibattito,ma spesso le scelte di voler civilizzare nascondono al loro interno altre motivazioni,meno nobili.
Ciao Riri.

Pupottina ha detto...

ottima considerazione Riri.
la penso come te su questo argomento.

Luigina ha detto...

Sono d'accordo con te Rirì, anche se purtroppo loro malgrado la nostra cosiddetta civiltà li ha già contaminati distruggendo e inquinando i luoghi abitati da queste popolazioni.

Caterina ha detto...

Ciao Riri, ho mal di testa come te, vuol dire che sono dirigente anch'io? Ora mi sento serva domestica:)), ma mi piace questa calma! Nel pomeriggio ho saltato anche nel giardino ed eccomi a prendere il tuo caffé specialissimo:))
Baci

Gente Comune ha detto...

L'uomo "evoluto" ha sempre pensato di essere superiore a tutto e tutti. Ma avere internet in casa non vuol dire di essere più sapiente di chi mangia cavallette.
Piacere di conoscere una così brava cuoca e sorridente madame.
Sandro

Vittoria A. ha detto...

D'accordissimo!!! Sono sicura che quei popoli sanno cos'e' la felicita' e la vera vicinanza con la natura e con la creazione. Un bacione affetuoso carissima :D

Gabry ha detto...

Buongiornoooooooooooooooooo!!!!

qui tutto ok... Rudy, anche se a malavoglia, sta continuando ad ingurgitare pillole a tutte le ore, ogni volta che mi vede con una pillola in mano, scappa ed io devo rincorrerla per potergliela dare, ma questo mi fa capire che sta decisamente meglio, allo stesso tempo Ice mi viene dietro, visto che lei non rifiuta niente, prenderebbe di tutto pur di mangiare... le comiche.... ahahaha!!!
La settimana prossima andiamo dal veterinario per il controllo e per decidere sul da farsi.

Un abbraccio Rirì e buon fine settimana!

laurela ha detto...

Buongiorno mia carissima Riri e grazie per gli auguri di compleanno che mi avevi lasciato sul blog. Ora sono qui in Italia e mi preparo gia' per iniziare il lavoro.
Un abbraccio e un buon fine settimana.

rosy ha detto...

Un caro abbraccio:-)) con sorriso.
Ciao

Gente Comune ha detto...

Tempo fa avevo fatto un appello per l'Amazzonia dato che i miei antenati la riposano.
Dico solo ciò che disse qualche anno fa Sidney Possuela "la domanda che dovreste porvi non è quanto tempo prima che gli indios spariscano, ma quanto ci metteremo NOI a sterminarli tutti. Perchè è da NOI che dipende".
Ciao cara Riri. Sei raggiante.
Un abbraccio
Paolo

Caterina ha detto...

Ciao Riri, buon fine settimana con le Dolcezze, senza mal di testa e con riposooooooooo!
Baci

Ambra ha detto...

E' possibile che ancora oggi non possiamo lasciare che esistano altri popoli che vivono una vita diversa dalla nostra?
Chi può non essere d'accordo che è ora di finirla di opprimere altri popoli?

Caterina ha detto...

Buona festa della mamma Riri!!!!!! Sei la mamma piú bella e piú dolce dei tuoi ragazzi, ragazzini e dei tuoi "lettori":)).
Un abbraccio forte e baci

chicchina ha detto...

Auguri Mamma Riri.Ti auguro una dolce domenica,con la tua bella famiglia.
Un bacio.

Pietro ha detto...

Concordo, Riri, e forse vivono meglio di noi che siamo in questa civiltà sempre in ribollimento!
Buona domenica a te!

laurela ha detto...

Buongiorno mia cara Riri. Grazie per i complimenti e una serena domenica a te. Come vedi oggi fa freddo e allora me la passo in casa. Baci e un abbraccio.

il monticiano ha detto...

Quello di lasciare in pace quei popoli è una chimera perchè colonizzatori e ignobili speculatori
non vedono l'ora d'impadronirsi dei doni della natura di quei bellissimi posti.

Gabry ha detto...

Ciao Rirì e buona festa della mamma!!! qui non piove ma il cielo è tutto grigio e si è alzato pure un bel venticello fresco fresco.. quest'anno la primavera è decisamente bizzarra.

Come già ti ho detto, domani porto Rudy dal veterinario incrociando le dita e sperando che tutto vada per il meglio.

Un abbraccio e buon inizio settimana!

Caterina ha detto...

Ciao Riri, buon continuo della festa della mamma con sorrisi! Qui dopo un temporale di ieri sera fa abbastanza freddo ma non nei cuori:))
Baci

Costantino ha detto...

Lasciamoli vivere come vogliono,con le loro tradizioni,la loro religione,le loro convinzioni.

Pupottina ha detto...

ciao Riri
buon inizio settimana e tanti auguri per la festa della mamma anche a te e anche se in ritardo.
se ieri abbiamo avuto i trenta gradi oggi ce li sogniamo... sta piovendo O_O allucinante questo meteo di maggio... dal troppo al troppo poco in 12 ore ... incredibile!!!!

Caterina ha detto...

Ciao Riri, mi sembra che questo giorno io non abbia fatto niente:)))! Sono stata in alcuni negozi ed ho preparato il pranzo. Ecco tutto e intanto fa brutto tempo.
Baci e buon pomeriggio con sorrisi

Gabry ha detto...

Buongiornooooooooooooo!!!

Qui tempo decisamente uggioso, triste e palloso... è ritornato pure il freddo ...uffa ...
Visita dal veterinario con esito semi buono nel senso che non tutti i valori sono rientrati nella norma quindi non si è potuto procedere alla sterilizzazione ma fortunatamente l'infezione non c'è più, ora il problema si ripresenterà con il prossimo calore, ma a quel punto si potrebbe iniziare subito con gli antibiotici onde prevenire il peggio... speriamo bene...

Un abbraccio e buona giornata Rirì!

rosy ha detto...

Buongiorno riri, che brutto questo Maggio con le sue variazioni.
Fa freddo.
Bacio ciao.

Caterina ha detto...

Ciao riri, qui pioviggina e dovrei andare dal dentista. ajajaj.
Baci

chicchina ha detto...

Riri da me bella giornata di sole,spero anche sulla tua città.Un saluto al caffè..

Vittoria A. ha detto...

Ciao carissima Riri, anche qui fa ancora freddo! Ti mando un abbraccio affetuoso da quassu'.
Vic

Enrica - Vado...in CUCINA ha detto...

ciao rirì, la loro sarà anche una vita breve, ma vivono per quello che vale veramente la pena. Lasciamoli liberi di vivere la vita che vogliono chi siamo noi per dire cicvilizziamoli.
Ma poi siamo noi i veri civilizzati che distruggiamo la natura, uccidiamo per le risorse, le aziende farmaceutiche ci curano 1 malattia ma gli effetti collaterali provocano spesso danni irreversibili ecc ecc